La rinascita di Brera prosegue con le opere di Batoni

Brera, Pinacoteca di Brera, Pompeo Batoni, Settecento, Quinto dialogo, Milano, MiBact

Dopo il Quarto dialogo, che ha visto protagonisti i ritratti di Lorenzo Lotto (che terminerà il prossimo 11 giugno), lunedì 5 giugno alla Pinacoteca di Brera è stato presentato il Quinto dialogo incentrato attorno alle opere di Pompeo Batoni, occasione per presentare anche il riallestimento delle tre sale della pinacoteca dedicate al Settecento.

Il dialogo (curato da Alessandro Morandotti e da Isabella Marelli) mette a confronto due grandi pale di Pompeo Batoni, una della Pinacoteca stessa (la Madonna con il Bambino e i Santi Giuseppe, Zaccaria, Elisabetta e Giovannino del 1738-1740 proveniente dalla demolita chiesa dei Santi Cosma e Damiano di Milano) la seconda proveniente dalla chiesa di San Vittore al Corpo (Il Beato Bernardo Tolomei assiste le vittime della peste del 1745) esposta accanto ad un modello per la pala, realizzato dalla bottega del Batoni e proveniente dalle collezioni Borromeo di Isola Bella. Il dialogo si conclude con due stupendi disegni (due nudi maschili del 1775), dello stesso Batoni, disegni provenienti dal Gabinetto dei disegni e delle stampe dell’Accademia di Brera, segno della grande popolarità che l’artista raggiunse nel capoluogo lombardo.

Parlando invece del nuovo allestimento delle tre sale braidensi dedicate al Settecento (probabilmente tra le più infelici dell’intera Pinacoteca) queste sono state letteralmente trasfigurate per l’occasione, è stato fatto sparire dalle pareti l’azzurro pastello che le caratterizzava, sostituito da un grigio antracite che grazie alla penombra (che caratterizza l’intero riallestimento della Pinacoteca) e alle luci dedicate per ogni opera, riesce a dare una lettura completamente differente delle opere esposte. L’opera che maggiormente trae beneficio da questo nuovo assetto della sala XXXIV, è senza dubbio la grande tela del Tiepolo (lunga più di 6 metri) raffigurante la Madonna del Carmelo, che è stata notevolmente abbassata, così da permettere una più corretta lettura dell’opera da parte dei visitatori.

Come per i precedenti quattro dialoghi, la piccola esposizione e il riallestimento delle sale sono accompagnati da un piccolo catalogo, edito da Skira, che raccoglie i testi dei curatori.

La presentazione del Quinto dialogo è stata anche l’occasione per fare il punto sulle sale riallestite fino ad ora (più della metà del percorso della pinacoteca) e per presentare alcuni dei progetti che animeranno il Museo nei prossimi mesi, come il Ballo di Brera, che si terrà il 21 giugno prossimo, pensato come un vero e proprio evento mondano (al pari della Prima scaligera o del MET Gala di New York) che annualmente dovrebbe aprire l’estate milanese; o come il primo dei concerti dedicati alle famiglie e ai bambini che si terrà il prossimo 8 di ottobre e che vedrà Philippe Daverio nei panni del narratore in Pierino e il Lupo di Sergej Prokof’ev.

Cogliete l’occasione del dialogo tra le opere di Pompeo Batoni per scoprire uno dei più grandi artisti italiani del Settecento ma soprattutto per riscoprire, durante questi mesi estivi la rinata Pinacoteca di Brera.


 

Attorno al Settecento
Pompeo Batoni e Milano

Pinacoteca di Brera | Milano
8 giugno 2017 – 1 ottobre 2017

a cura di
Alessandro Morandotti e Isabella Marelli

 

allestimento a cura di
Alessandro Morandotti
Isabella Marelli

James M. Bradburne
Alessandra Quarto
Angelo Rossi

catalogo edito Skira


pinacotecabrera.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *